Il mercato della domotica

E domotica sia… 

Questa decisione è il frutto di intere notti passate su internet alla ricerca di informazioni per trovare la migliore soluzione tra comfort e prestazioni?

O forse è solo la presunzione di dare uno “schiaffo morale” al parente o vicino che fa il “figo” tutto le volte che lo incontri?

La cosa più importante è quella di essere arrivati quasi alla fine del tunnel!

Dopo giorni, settimane, mesi, di recensioni, visite guidate, consigli, forum ed appuntamenti vari, l’unica cosa da fare è solo decidere a chi affidare l’incarico. Già… ma chi rivolgersi?

Il mercato della domotica è così ampio… Con tutte quelle telefonate, mail ed incontri avrai certamente deciso per la soluzione migliore! Il 99% del lavoro è fatto… adesso basterà solo aspettare la fine dei lavori “et voilà”, la casa dei tuoi sogni sarà pronta!

Diciamo di si, anche se il cammino è stato lungo e duro, adesso c’è solo l’ultimo ostacolo da superare… peccato che questo sia paragonabile ad una parete di grado XI!

Quell’1% sarà quello che vi porterà verso la fine… e non sto certo parlando del cantiere! … ed il perchè è molto semplice!

Il titolo dell’articolo non è infatti stato scelto a caso…

Ad oggi la domotica è paragonabile ad una commodity, ovvero qualcosa di indifferenziato che si trova ovunque. Praticamente è difficile trovarla, proprio come la farina, il caffè, lo zucchero, l’acqua o come dico spesso io come altro!

Hai aperto l’ultimo link? Spero che non sia rimasto “scioccato”! Alla fine è una “cosa normale” che fanno tutti… quasi proprio come la domotica e te lo posso dimostrare!!

Se anche tu utilizzi Google per cercare delle risposte a qualcosa che “non conosci” o per avere “maggiori informazioni”, prova a digitare la parola domotica. Non “cacca” mi raccomando…

La prima cosa che ti balzerà all’occhio sono i diversi marchi delle case produttrici più o meno conosciute. Se guardi più attentamente, potrai intravvedere anche forum, testate giornalistiche, siti specializzati, video con esperimenti fai-da-te ecc…

Ovviamente ci sono anche società ed aziende che si occupano di installazione, vendita, progettazione, consulenza, ecc…

Il tutto sarà “condito” dalle solite parole chiavi come:

  • illuminazione,
  • motorizzazioni,
  • riscaldamento,
  • allarme,
  • risparmio energetico,
  • videosorveglianza,
  • preventivi gratuiti,
  • assistenza tecnica
  • e molto altro ancora…

Se ti capita di guardare nei volanti ricevuti per posta, potrai trovare delle offerte direttamente nei negozi di elettronica vicino casa oppure comodamente online.

 

 

 

 

 

 

 

E si…la domotica è proprio dappertutto!!

Siccome il tuo “concetto di domotica” sarà sicuramente diverso da quello presente nei grandi negozi, vorrà dire che sarai indirizzato su dei “professionisti della domotica”.

Anche questi potresti trovarli sotto casa, anche se però la scelta si ridurrà ad interpellare un elettricista o un progettista. Non proprio dei professionisti e oltretutto con dei grossi limiti!

Se fai parte della “scuola alternativa” ti potrai imbattere in installatori di automazioni (cancelli, serrande box, ecc…), di impianti d’allarme, di videosorveglianza o hi-fi. Per non farsi mancare niente ci potranno essere anche programmatori, rivenditori di computer, di materiale elettrico o aziende che producono centraline di integrazione, ecc…

Un’altra categoria molto diffusa è anche quella dei progettisti ed installatori “tuttologi”. Li riconosci subito perchè sono quelli che lavorano anche nei settori industriali, nel terziario e nella pubblica amministrazione.

Il peggio che potrebbe capitarti è quello di imbatterti in altre figure ambigue. Sviluppatori software, negozi di DVD, venditori di cartucce per stampanti o cartolerie…

Più semplicemente potresti trovare installatori di tende, condizionatori, idraulici, arredatori, interior designer, farmacisti, immobiliaristi, orologiai, fiduciari, consulenti di marketing, web designer, centri riparazione, ecc…!

Pensi che ti sto prendendo per il culo?

Come potrei? Purtroppo il problema è questo ed è molto grave! Anche tu, che non hai sicuramente le fette di salame sugli occhi, dovresti esserti accorto di quello che avviene alla luce del sole!

In Italia ed in Svizzera (Italiana ovviamente…) il business lo hanno visto in tanti… dal negozietto fino alle grandi aziende!

 

 

 

 

 

 

 

 

Non tutti, ma tantissimi si sono buttati nel business della domotica… Sai che a questo punto riesco a leggerti il pensiero? Quello a cui stai pensando lo può vedere materializzato in questa immagine! Si è come quella di prima solo con sopra le mosche!

Se non sei un appassionato, è molto difficile che qualcuno ti abbia consigliato sinceramente la domotica a meno che questo “qualcuno” non ti voglia male! E sa quale è il motivo?

È perchè tutti quelli che te lo hanno consigliato hanno avuto dei problemi!

Più o meno grandi, più o meno complessi, più o meno risolti. Non come si deve, ma in qualche modo e sicuramente solo dopo mooooolto tempo che la casa (ristrutturata o nuova) gli era già stata consegnata. C’è addirittura chi è ancora lì, in attesa di qualche revisione da parte di “qualcuno”…

Prova a chiedere in giro qualche informazione, anche al tuo vicino stronzo! Sotterra l’ascia di guerra, portagli una birra e…

fatti raccontare veramente come sono andate le cose! 

Quelle vere non quelle per fare il figo! Dubito fortemente che sia filato tutto liscio come l’olio.

Il mercato della domotica è fatto di gente che urla al vento “buone intenzioni”, “ottime qualità” e “prestazioni eccezionali”…

Ma proprio come al mercato del pesce, queste persone che spacciano il loro “pezzo” come “il migliore”, spesso, in realtà, non lo conoscono a fondo!!

Attenzione quindi… perchè oltre al danno può esserci anche la beffa!! Infatti una volta preso “il pesce”, non lo puoi portare indietro, nemmeno se puzza o non è buono come te lo aspettavi!

Sarà molto difficile farselo rimborsare perchè la colpa sarà rimbalzata dal pescivendolo, al pescatore che a sua volta dirà essere dell’inquinamento del mare o altro.

L’unica differenza che avrai con la domotica è che affidandosi a queste persone, resterai con “qualcosa di schifoso” e che (purtroppo) non puoi nemmeno buttare!!

Lo so che forse ti ho confuso le idee… Magari adesso sono anche le 2 di notte e non puoi nemmeno rimandare il tuo appuntamento con il “domotico” che hai aspettato per settimane.

Adesso però ti invito ad andare a letto a riflettere su un paio di punti:

  • Cosa hanno in comune tutte le persone che “fanno domotica”?
  • Perché tutti i Committenti, in un modo o nell’altro si lamentano della domotica?

Buonanotte e alla prossima.

Fabio

FabioIl mercato della domotica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *